MacBook Pro 16 pollici

Ci sono stati molti rumors sull’arrivo del nuovo MacBook Pro 16 pollici Touch Bar ed ora, quanto mostrato nell’immagine trovata nella beta di Catalina, macOS Catalina 10.15.1 beta, ma ora ci sono ulteriori dettagli.

MacBook Pro 16 pollici

Ora che macOS Catalina è disponibile, nell’aggiornamento, è apparsa l’immagine del nuovo MacBook Pro 16″ TouchBar, dove nella foto (qui sopra), come si può ben notare, il tasto Touch ID, è separato dalla Touch Bar.

L’icona originale del MacBook Pro 16″, che era stata trovata ad inizio Ottobre, è ora stata rimossa da macOS Catalina 10.15.1, la quale fa pensare che il lancio del nuovo Mac, sarà prevista per Novembre/Dicembre, massimo, entro metà 2020.

Tutti ci aspettavamo una presentazione, per il nuovo Mac e gli iPad, ad Ottobre, visto che non c’è stato nulla, le aspettative, sono cambiate.

Apple, non ha tenuto storicamente degli eventi tra Novembre e Dicembre, ma potrebbe anche capitare che un’evento ci sarà, tutto può essere!

Ming-Chi Kuo, che ha detto che il nuovo MacBook Pro, avrà la tastiera con meccanismo a forbice, e non più a farfalla, dovrebbe essere lanciato verso la fine del secondo trimestre o agli inizi del terzo trimestre.

In tal caso, ci toccherà aspettare fino al 2020, per un nuovo MacBook Pro 16 pollici.

AirPods Pro

Apple rilascia oggi a sorpresa, le nuove AirPods Pro, i nuovi auricolari di Apple.

AirPods Pro Abbinamento ad iPhone

AirPods Pro

Apple ha oggi rilasciato le nuovissime AirPods, con un tocco di Pro. Le nuove AirPods Pro costano 279 €, e saranno disponibili per l’acquisto a partire dal 30 Ottobre, tra pochi giorni.

AirPods Pro

Cancellazione Rumore

Grazie ai nuovi auricolari di Apple, potrai ascoltare tranquillamente la musica, rispondere o effettuare telefonate e altro, senza alcun disturbo di rumore esterno, grazie alla cancellazione attiva del rumore.

Inoltre, si può disattivare tale cancellazione, grazie alla modalità Trasparenza

AirPods Pro

Modalità Trasparenza

Attivando la modalità Trasparenza, le AirPods Pro lasceranno passare l’audio circostante, permettendoti di ascoltare l’audio che ti circonda.

AirPods Pro

Nuovo Comfort

Grazie al nuovo comfort, le AirPods Pro saranno più comode da indossare e soprattutto più salde all’orecchio, senza alcuna preoccupazione di perderle.

Qualità del Suono

Grazie ad un driver progettato appositamente per le AirPods Pro, offre bassa distorsione del suono ed un’alta escursione, permettendo bassi potenti.

L’amplificatore ad alta gamma, che produce un suono puro e cristallino, aumenta la durata della batteria.

L’equalizzazione adattiva, permette di regolare automaticamente la musica, in base alla forma dell’orecchio, permettendo una qualità dell’ascolto più ricca e omogenea.

Apple Watch Serie 5

Foxconn e Compal Electronics hanno ottenuto l’ordine di assemblare i prossimi modelli di Apple Watch, che dovrebbero chiamarsi ancora Serie 6, se questo nuovo modello manterrà lo stesso schema nomi, secondo quanto citato dalla fonte DigiTimes.

La fonte ha aggiunte che la Luxshare Precision, probabilmente prenderà gli ordini dei recenti modelli di Apple Watch.

Apple Watch Serie 5

Preview del report:

Compal e Foxconn prendono gli ordini per la prossima generazione di Apple Watch:

Compal Electronics e Foxconn Technology Group (Hon Hai Precision Industry) hanno ottenuto gli ordini per la serie di Apple Watch del 2020, mentre l’azienda situata in Cina, la Luxshare ICT, probabilmente  prenderà gli ordini dei modelli precedenti di Apple Watch, secondo quanto riferito dalle fonti del settore.

Questa notizia, segue altri rapporti del DigiTimes, che ha detto che Quanta Computer, probabilmente non assemblerà gli Apple Watch del 2020, dovute alle presunte “preoccupazioni sul profitto”.

Quanta è stata la principale produttrice di Apple Watch dal 2015.

Apple Watch Serie 6, avrà ancora una struttura simile, ma quello che cambierà, è che Apple sta lavorando, con il suo team di ingegneri biomedici, ad un sistema non invasivo per monitorare i livelli di glucosio nel sangue, usando sensori ottici.

I rumors suggeriscono che il 2020, potrebbe essere l’anno dell’Apple Watch con un display MicroLED, e se vero, i modelli Serie 6, potrebbero essere potenzialmente più sottili, avere uno schermo più luminoso e più efficiente, confrontato con gli attuali modelli con display OLED.

Apple aveva annunciato questo settembre, all’evento speciale, dove aveva rilasciato i nuovi Apple Watch Serie 5, con nuove funzionalità.

Le nuove funzionalità introdotte, come l’always-on display, una nuova app Bussola, chiamate di emergenza internazionali, per il modello GPS+Cellular, 32 GB di memoria interna, e nuove opzioni per il case, in titanio e ceramica.

La Serie 6, potrebbe essere presentata a Settembre 2020.

Made by Google

Googlo ha tenuto l’evento ‘Made by Google’, a New York City, dove ha presentato il nuovo Pixel 4 e Pixel 4 XL, il nuovo Nest Mini ed ha confermato la data di lancio di Stadia.

Made by Google

Google Stadia

Il nuovo servizio di Cloud Gaming in streaming di Google, verrà ufficialmente lanciato il 19 Novembre.

Pixel Buds

Google Pixel Buds

Google annuncia i suoi auricolari Wireless, i Pixel Buds, che saranno disponibili nella “primavera 2020”, e costeranno 179 dollari, circa 180 euro, ma non ancora disponibili sul sito italiano del Google Store.

Google dice che la batteria durerà circa 5 ore, e con il case, caricate fino al 100%, dureranno fino a 24 ore di autonomia. Gli auricolari si adatteranno all’ambiente, e cancelleranno il suono ambientale, per permettere un’ottimo ascolto.

Pixel Go

Google Pixel Go

Questo è il nuovo computer Made By Google, con un display da 13.3 pollici, configurabile fino a 16 GB di RAM e 256 GB di capacità di archiviazione, dove l’azienda promette una durata della batteria fino a 12 ore, pesa 0,91 KG e costa 649 dollari, non ancora disponibile alla vendita in Italia.

Nest Wifi

Google Nest Wifi

Google ha lanciato il suo router, Google Wifi, un router con integrato il Google Home Speaker. Questo nuovo dispositivo, è un router/speaker ibrido intelligente.

Il nuovo Google Wifi sarà disponibile per l’ordine il 4 Novembre; due di questi Google Wifi, costeranno 269 dollari e tre invece costeranno 349 dollari.

Il nuovo Nest Mini

Google Nest Mini

Google Home Mini non si chiamerà più così, ma il suo nuovo nome è Nest Mini. Questo nuovo speaker, è disponibile con un accessorio, che permette di appenderlo sul muro, senza alcun adattatore.

Nest Mini integra un nuovo chip su scheda, che offre risposte rapide, e più microfoni per adattarsi meglio al rumore ambientale. Sarà disponibile per l’acquisto dal 22 Ottobre e costerà 59 euro.

Pixel 4

Google Pixel 4

Dopo svariati leaks, sul nuovo smartphone di Google, finalmente, oggi, Google ha presentato il nuovo Pixel 4 e Pixel 4 XL.

Il nuovo Pixel 4 ha un display da 5,7 pollici con una batteria da 2800 mAh, mentre per il Pixel 4 XL, ha un display da 6,3 pollici ed una batteria da 3700 mAh.

Entrambi gli smartphone, montano uno Snapdragon 855 6 GB di RAM, con il chip “Project Soli”, un chip radar, che permette, all’utente, tramite delle gestire, il movimento della mano, di cambiare brano, impostare la sveglia e silenziare le telefonate, senza dover toccare lo schermo.

La principale focus per Google è la fotocamera, dove l’azienda sfrutta al meglio le tecnologie come il machine learning e il software per l’Intelligenza Artificiale, per migliorare le foto, ma anche le live preview con l’HDR, con il controllo per la doppia esposizione, l’AI guidato “per apprendere” il bilanciamento dei colori bianchi e migliorare la modalità Night Sight, che può gestire gli scatti di foto al buio.

Entrambi gli smartphone, hanno la doppia fotocamera sul retro (12.2 megapixel, con Diaframma con apertura f/1.7, fotocamera principale e 16 megapixel, Diaframma con apertura f/2.4, per le lenti con teleobiettivo) e una fotocamera frontale da 8 megapixel.

Il nuovo Pixel 4 costa 759 euro, per la configurazione base, mentre il Pixel 4 XL, parte da 899 euro.

Controller Xbox sul sito Apple

Apple ha finalmente aggiunto sullo store Online, il controller di gioco della console Xbox One.

Controller Xbox sul sito Apple

Quando Apple aveva presentato alla WWDC 2019 (World Wide Developers Conference) i nuovi sistemi operativi, ha anche poi annunciato la disponibilità con controller esterni.

Grazie ad iOS 13, iPadOS e tvOS, si può giocare con i controller di gioco di Microsoft (Xbox) o della Sony (Dual Shock).

Sul sito della Apple, però è disponibile alla vendita, il controller della Xbox, visto che Apple ha trovato un accordo con Microsoft, per poter venderlo.

Questo che vedi sopra, è un tweet di Apple Support, che mostra un tutorial su come configurare il controller di Microsoft con la Apple TV.

Nuovi Mac ed iPad Pro nel 2020

Apple lancerà un nuovo iPad Pro con fotocamera posteriore con sistema ToF (Tempo di Volo) 3D, nella metà del 2020, secondo quanto riedito dall’analista Ming-Chi Kuo.

Il sistema ToF o tempo di volo, misura il tempo che la fotocamera impiega per un laser o LED per rimbalzare da un oggetto all’altro in una stanza, fornendo un mappatura tridimensionale (3D) dell’ambiente circostante. Una fotocamera di queso tipo, dovrebbe sostenere un ottima qualità foto e offrire nuove e migliori, applicazioni AR (Realtà Aumentata).

MacBook Pro 16 Pollici

Inoltre, i prossimo iPhone, del 2020, potrebbero supportare anche la funzionalità, sulla fotocamera posteriore, grazie alle lenti con il tempo di volo (ToF), sempre quanto riferito da Kuo a Luglio.

L’analista Apple ha anche rivelato le sue previsioni programmate, sulla nuova linea di MacBook, dove Apple avrebbe in piano di usare il meccanismo a forbice, invece del problematico meccanismo a farfalla, sulla tastiera.

La bella notizia è che Apple potrebbe annunciare il nuovo MacBook Pro da 16 pollici entro questo mese, in un evento speciale.

Nuovi Mac ed iPad Pro nel 2020

Come sarà questo nuovo MacBook ?

Kuo crede che il nuovo MacBoo Pro da 16 pollici, avrà il meccanismo a forbice, anche sui gli altri modelli di Mac, risultando come un meccanismo molto più sicuro, rendendo la tastiera più durevole e senza problemi.

Schermo

Lo schermo di questo nuovo Mac, avrà un display da 16 pollici, con una risoluzione da 3072×1920.

Design

Il design del nuovo MacBook Pro 16 pollici, dovrebbe essere lo stesso degli attuali MacBook Pro ma, secondo quanto riferito dall’analista Ming-Chi Kuo, dovrebbe avere un “nuovo design”, con bordi smussati.

Apple potrebbe fare un passo in dietro, e far tornare la mela illuminata, come si poteva notare, su tutti i Mac, dal 2015 in giù.

Tastiera

La testiera del nuovo Mac, oltre che agli altri futuri modelli, dovrebbero tornare al meccanismo a forbice, secondo quanto riferito dall’analista Kuo. In un report, sembra che il nuovo meccanismo, simile a quello a forbice, utilizzerà “una fibra di vetro per rinforzare la struttura” e probabilmente, sarà più sottile delle attuali tastiere.

Processori e specifiche

Secondo quanto riferito dall’analista Jeff Lin di IHS Markit, afferma che Apple userà i processori Intel Core di nona-generazione, sul MacBook Pro da 16 pollici.

Il nome in codice del processore è Coffee Lake, processore con velocità di clock base a 2.4 GHz, con Turbo Boost fino a 5.0 GHz e supporterà fino a 8-core.

Attualmente Apple usa il processore Intel Core i9 di nona-generazione con velocità di clock base a 2.4 Ghz con Turbo Boost fino a 5.0 GHz,  sugli attuali MacBook Pro da 15 pollici.

La memoria RAM, di base sarà sempre 16 GB e 512 di unità SSD, con le opzioni di configurazione.

Visore Realtà Aumentata Apple

Il Visore per la Realtà Aumentata di Apple, arriverà presto, verso l’inizio del 2020, secondo quanto riferito dall’analista Apple, Ming-Chi Kuo.

In una nota ricerca con la TF International Securities, l’analista, ha detto che Apple collaborerà con marchi terzi, per lanciare il suo visore AR nel 2020, con il principale fornitore di telai, la Changying Precision.

Visore Realtà Aumentata Apple

Foto: Mockup Apple Glasses

In un report fatto a Marzo, dove Apple aveva dichiarato di lanciare un prodotto per la Realtà Aumentata nel 2020, potrebbe essere pronto verso la metà del prossimo anno.

Comunque, Kuo ha portato sempre avanti la sua previsione, sul rilascio di questo prodotto, ed ora l’analista crede che verrà lanciato sul mercato nel secondo trimestre del 2020.

Tornando a Luglio, un report del DigiTimes, dove affermava che Apple aveva sospeso lo sviluppo del Visore per la Realtà Aumentata, ma solo lo scorso mese, all’interno di Xcode 11 e iOS 13, si sono trovate conferme che Apple sta ancora lavorando ad un visore per la Realtà Aumentata.

Kuo crede che il visore della Realtà Aumentata di Apple, viene marcato come accessorio per iPhone, dove lo scopo dell’iPhone sarà proprio quello di mostrare quello che registra il visore, e di controllare tutto da iPhone, in modalità wireless.

Apple aveva in piano inizialmente di rilasciarli entro il 2019, ma l’azienda ha deciso di prendersela con calma e di lanciarlo sul mercato nel 2020.

Quanto riferito da un report, il visore di Apple, monterà ‘rOS‘, il sistema operativo del visore, dove rOS sta per reality operating system, basato su iOS.

Inoltre, oggi l’analista Kuo, ha sottolineato un cambiamento importante all’industria che fornisce i telai per l’iPhone, nel 2020, gli iPhone 5G monteranno un telaio/cornice in metallo.

Kuo, crede che per gli iPhone del 2020, Apple adotterà una nuova cornice in metallo, che ricorderà molto lo stile di iPhone 4, che incrementerà in modo significativo il costo delle unità, dovuto all’incremento nelle procedure di processo e integrazione dei materiali.

Spotify Apple TV

Spotify aggiorna la sua app su iOS, con il supporto ad iOS 13, con il supporto a Siri, permettendo agli utenti il pieno controllo.

Spotify Apple TV

Una volta aggiornata l’app, gli utenti non dovranno altro che chiedere a Siri: “Riproduci Lame di Gucci Mane su Spotify”, o qualsiasi brano o videoclip si voglia chiedere.

Secondo quanto riferito dalle note di rilascio di Spotify, il supporto a Siri è Estes anche per le AirPods, CarPlay e HomePod.

Inoltre, se si esegue Spotify su un dispositivo con iOS 13, ora Spotify supporta la funzionalità Salvataggio Dati, quando il dispositivo ha la modalità Basso Consumo.

Sull’App Store, tra la lista delle varie applicazioni pre installate, si trova un’app non annunciata, o per lo meno.

Controllando meglio, si potrà trovare una screenshot dell’app per il Watch, sull’App Store tedesco, dove però, le screenshot mostrano un’etichetta “Sleep” Sonno, dove verso la fine, sotto la cella dove si trova la sveglia, si può leggere benissimo il seguente testo:

Imposta la funzione bedtime e sveglia tramite l’app “Sonno”.

Applicazione Sonno per Apple Watch

Una funzione simile, si trova proprio sull’iPhone, con il tab Bedtime sull’app Orologio.

Bisogna tenere una cosa in considerazione, non c’è alcuna applicazione o riferimento all’app Sonno nell’applicazione Orologio su watchOS 6.0.1 o watchOS 6.1 beta.

Quanto trovato da un utente su Twitter, Daniel Marcinkowski, sembra proprio che Apple per sbaglio abbia condiviso la screenshot.

La nuova applicazione Sonno sull’Apple Watch, permetterà agli utenti di controllare i modelli di sonno, come anche, notificare l’ora di andare a dormire e caricare l’iPhone.

La funzione di Apple per tracciare il sonno, è intesa per essere “tracciare il Tempo a Letto”, basato su un codice interno ad iOS 13.

Il codice interno di iOS 13, in una stringa, dice “puoi tracciare sia il tempo di sonno, che anche, quando ti svegli, avendo indossato l’AW”.

Mar Gurman di Bloomberg, era il primo che aveva riferito che Apple stava testando l’app per tracciare il sonno, su Apple Watch. Tornando a Febbraio, Gurman aveva detto che i piani di Apple erano di lanciare questa nuova funzionalità/app nel 2020, se i test andranno con successo.

Questo segue anche l’acquisizione da parte di Apple, dell’app Beddit, acquisita nel 2017.

Beddit vendeva accessori per l’iPhone che permettono di tracciare il sonno.

 

Steve Jobs 1955 - 2011

Otto anni fa, Steve Jobs ci lasciava, per una malattia molto brutta, il tumore al pancreas, all’età di 56 anni.

Steve Jobs 1955 - 2011

Ogni anno, il CEO di Apple, Tim Cook, ricorda l’anniversario della morte di Jobs, con un tweet, condividendo una citazione e una foto di lui, condividendo oggi la foto di Jobs presso l’iconico Apple Store quadrato, sulla Quinta Strada a New York City.

Apple continua a mantenere la pagina “Ricordando Steve“, mettendo in evidenza oltre un milione di messaggi da persone da tutto il mondo che hanno “condiviso le loro memorie, pensieri e sentimenti su Steve”.